Chi siamo

I proprietari – Jeremy e Jacqueline

Quando Jacqueline e Jeremy visitarono l’Italia per la prima volta, poterono constatare di persona che quel che se ne diceva era vero. La bellezza divina dell’arte, la cordialità delle persone, la genuinità del cibo e del vino, lo spettacolare paesaggio della campagna. Si innamorarono perdutamente della valle della Chiesa del Carmine, del fascino ammaliante delle colline umbre e del verde che le ammanta a perdita d’occhio. Riuscirono così a guardare oltre gli anni di abbandono, attraverso gli ettari di filo spinato aggrovigliato e i pali in cemento, per immaginare il luogo perfetto che la natura ha qui creato per la viticoltura, l’olivicoltura, e il tartufo.

L’enologo – Giovanni Dubini

Giovanni Dubini è il proprietario della cantina Palazzone, a Orvieto, e fa alcuni fra i vini bianchi più longevi di tutta Italia. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, anche per i suoi rossi, nel corso di una carriera enologica che dura ormai da oltre quarant’anni. Siamo molto fortunati a poter contare sulla sua guida e sulla sua consulenza. La sua filosofia è improntata alla semplicità, al minimo intervento possibile da attuare nei processi di vigna e cantina. La sua azienda lavora in regime di agricoltura biologica, più per tradizione che per scelta, così come facciamo noi qui a La Bruna. Tra le onorificenze di cui Giovanni è stato insignito, c’è il “Premio Cangrande”, assegnatogli al Vinitaly per il contributo che il suo lavoro ha fornito e fornisce tuttora al settore dell’enologia.

Cantiniera / Responsabile delle vendite – Charlène Guitton

La passione di Charlène per il vino non desta sorpresa, essendo lei cresciuta nella tenuta in cui la famiglia produce Champagne, vicino a Reims, in Francia. Dopo aver affinato le sue competenze enologiche nell’azienda familiare, ha scelto di fare un master in Wine Management alla Kedge Business School di Bordeaux. Prima di completare gli studi, ha viaggiato molto sia per lavoro che per integrare la sua formazione nel mondo del vino. Ha lavorato in Spagna, nella zona vitivinicola del Priorato e, dopo un tirocinio alla Chiesa del Carmine, ha accettato il ruolo di cantiniera e responsabile delle vendite per la nostra azienda. Parla quattro lingue, e lavora sotto l’ala del nostro enologo Giovanni Dubini.

L’agronomo – Stefano Dini

Ama i suoi stivali sempre infangati, le sue cesoie da potatura, e la sua macchina fotografica, attrezzi del mestiere da cui non si separa mai. Ha studiato Agraria all’Università di Firenze e iniziato la sua carriera presso la cantina Col d’Orcia, a Montalcino, prima delle esperienze in Australia nelle aziende “Chalmers Nursery” e “Kooyong Estate”. Lavora attualmente per il “Gruppo Matura”, come consulente agronomico in Italia e all’estero. È specializzato nella viticoltura biologica e biodinamica. I suoi costanti obiettivi, lo sviluppo virtuoso del ciclo vitale delle piante, e la ricerca della perfetta maturazione dell’uva, sposano in pieno la filosofia di Chiesa del Carmine che si basa sull’idea che i grandi vini nascano prima di tutto in vigna.

Il sommelier – Mattia Giambattista

Mattia ama il vino. Quando non lavora, è sempre alla ricerca di nuovi vini da assaggiare, una grande passione che divide con le altre due, ciclismo e cinema. Ha studiato Comunicazione all’Università di Perugia, e poi fatto un master sulla Commercializzazione del vino all’estero, prima di ottenere la qualifica di sommelier presso la fondazione “FIS”. Durante gli studi ha fatto esperienza a Montefalco, lavorando per la cantina Scacciadiavoli, e a Torgiano, presso la cantina Lungarotti. Si è sempre occupato di accoglienza, degustazioni, e tour, attività che considera come l’aspetto più bello del suo lavoro. Ha sposato il progetto Chiesa del Carmine nel novembre 2016, rapito dalla bellezza della valle e dalla qualità dei vini.

Il manager della tenuta – David Lang

Nato e cresciuto in una fattoria ovina nella campagna australiana. Da adolescente ha partecipato alle vendemmie nelle vicine cantine “Otway Estate” e “Red Rock”, periodo che ha contribuito a far scoccare il suo amore per il vino. Ha lavorato a fianco dei proprietari sin dal loro arrivo in Umbria, con l’intento di riportare la valle della Chiesa del Carmine al suo antico splendore rurale. Negli ultimi 15 anni ha vissuto con la sua famiglia sulla collina che si erge sopra i vigneti, in posizione strategica per il controllo dello sviluppo delle coltivazioni. È un grande appassionato di cibo e vino umbro, e di questa piccola parte d’Italia che ha ormai da tempo scelto di chiamare “casa”.

Il manager del vigneto – Luciano Rosati

Luciano è stato il primo dipendente di Chiesa del Carmine. Cresciuto nella valle, dove vive ancora oggi con la sua famiglia, conosce la zona come le sue tasche, avendola esplorata in lungo e in largo fin da bambino, e avendone appreso la storia dagli avi e dai contadini che ne furono precedenti custodi. Ha una grande passione per i macchinari agricoli, e trascorre il suo tempo libero a prendersi cura della terra nella fattoria familiare, dove si dedica inoltre alla produzione di salsicce di maiale strepitose, fatte artigianalmente nel suo allevamento privato. Il suo essere uno straordinario tuttofare è uno dei punti di forza del nostro team.